Lavoratori precoci: con 41 anni di contributi a novembre 2017 domanda di accesso entro il prossimo 15 luglio

Con un po’ di ritardo ma la riforma pensioni produce i decreti su APE sociale e Precoci. Le istanze di accesso ai benefici dovranno essere prodotte dagli aventi diritto all’Inps entro il prossimo 15 luglio 2017. I tempi per la comunicazione di accettazione della domanda sono di tre mesi, quindi arriverà entro il 15 ottobre.







L’anticipo pensionistico per 63enni e lavoratori precoci era una delle ultime notizie sulle pensioni più attese, dal momento che riguarda una vasta platea di italiani.

A poter accedere a questo nuovo istituto pensionistico sono le già annunciate categorie di soggetti in condizione di difficoltà: disoccupati a seguito di licenziamento con esaurimento da almeno tre mesi degli ammortizzatori sociali, gli invalidi non inferiore al 74%, i caregivers che assistono il coniuge o parenti entro il primo grado in condizione di disabilità e gli addetti a mansioni gravose o usuranti.

Le prossime istruzioni attuative saranno più precise circa i beneficiari n condizioni specifiche. I requisiti consentono di uscire a 63 anni se in possesso di almeno 30 anni di contributi, 36 per chi svolge mansioni gravose da almeno sei anni in via continuativa. Possibilità anche di uscire con 41 anni di contributi a prescindere dall’età anagrafica se si è in condizione di vantare almeno 12 mesi di lavoro effettivo prima del 19° anno di età. E’ questa la condizione pensata per i lavoratori precoci. Da sottolineare che sono istituti che non prevedono alcuna penalità sulla pensione.

Per accedere a queste due forme di pensionamento sarà necessario innanzitutto l’accertamento dei requisiti richiesti e la verifica della compatibilità delle domande con la capienza delle risorse messe a disposizione dal Governo. Poi si passerà al conseguimento della prestazione.

Quindi chi crede di avere diritto, dovrà innanzitutto presentare una domanda all’Inps volta all’accertamento dei requisiti per ottenere l’APe sociale o il pensionamento con 41 anni di contributi. La scadenza è del 15 luglio 2017. Successivamente, quando l’Inps avrà accertato il possesso dei requisiti, massimo entro il 15 Ottobre 2017, si dovrà fare domanda di accesso alle predette prestazioni.

Confermata la retroattività al 1° maggio con possibilità di ottenere gli arretrati maturati. I lavoratori precoci che raggiungono i 41 anni di contributi a novembre 2017 dovranno produrre domanda di accesso entro il prossimo 15 luglio 2017 anche se in tale data non hanno ancora integrato il suddetto requisito contributivo.







Ti è piaciuto l'articolo?
Valutazione
[Total: 8 Average: 2.4]

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*