Pensioni

Percentuale penalizzazione opzione donna: circolare fa chiarezza circa le pensioni inserite in Legge di Stabilità

Le novità sulle pensioni di oggi arrivano dall’INPS e riguardano Opzione Donna e Penalizzazioni. Una circolare Inps ha fatto chiarezza sulle domande di pensione anticipata con Opzione Donna in base alle novità della Legge di Stabilità. Le penalizzazioni vengono eliminate per le pensioni anticipate.

Le donne che hanno presentato domanda di pensione anticipata in base all’Opzione Donna possono ora veder la loro pratica sbloccata. Ci riferiamo a tutte quelle richieste che non erano state esaminate per via dell’interpretazione restrittiva della norma prevista dall’Inps.

Lo assicura una circolare, che fa appunto chiarezza circa le pensioni inserite in Legge di Stabilità relative ad Opzione Donna e pensioni anticipate.

Si tratta di un adeguamento dell’Inps alle indicazioni della manovra che fa in modo che le sedi competenti procedano all’esame delle «domande di pensione di anzianità in regime sperimentale presentate dalle lavoratrici che hanno perfezionato i prescritti requisiti e la cui decorrenza della pensione si colloca successivamente alla predetta data».

Dunque via libera al diritto alla pensione anticipata con l’Opzione Donna a tutte le lavoratrici con almeno 35 anni di contributi che hanno compiuto 57 anni e tre mesi di età se dipendenti e 58 anni e tre mesi se autonome.

La buona notizia è che potranno accedere alla pensione anticipata anche le lavoratrici che hanno già presentato richiesta. Dunque decade il criterio finora adottato dall’INPS che richiedeva la decorrenza della pensione.

Penalizzazioni Legge Fornero

Non solo opzione donna nella circolare INPS: ci sono anche novità sulle penalizzazioni figlie della Legge Fornero che stabiliva come decurtare l’assegno per la pensione di anzianità con meno i 62 anni di età.