Riforma pensioni

La riforma pensioni è un necessità impellente che il Governo deve affrontare per risolvere una serie di questioni spinose che stanno condizionando pesantemente una larga fetta della popolazione. L’Italia non è un Paese per giovani, e questo è di per se un problema. Ma il fatto che alla parte più numerosa degli italiani, i pensionati, non si tributi la giusta attenzione è un’aggravante che non può essere più tollerata a lungo. Quando si parla di previdenza si fa riferimento alla riforma pensioni 40 anni contributi, uno dei temi più scottanti.

Ma ci sono altre categorie, svantaggiate, meritevoli di tutela: e infatti la riforma pensioni precoci e usuranti li tiene sempre in particolare considerazioni. Sulle pensioni ultima ora e aggiornamenti arrivano di continuo, anche se non nella quantità che i dirette interessati spererebbero.




Le novità influiscono sul calcolo pensioni dei quota 41. La legge fornero pensioni ha cambiato forse per sempre la visione del sistema previdenziale italiano. Sarà difficile sconfessarla completamente, ma le ultimissime sulle pensioni dicono che alcuni aspetti particolarmente penalizzanti vengono piano piano rimossi.

Riforma pensioni 2017

L’Inps ha iniziato a fare chiarezza sulla Riforma pensioni 2017 realizzando otto schede contenenti le principali novità contenute nella legge di bilancio. Una delle prime notizie da rimarcare è che la rata di restituzione del prestito nel caso di anticipo pensionistico di mercato sarà applicata anche sulla 13^ mensilità della pensione. Ciò vuol dire che si arriva a un totale di 260 rate mensili sui 20 anni successivi all’entrata nel mondo della pensione.

Riforma pensioni

L’APE, prestito pensionistico volontario sarà possibile grazie a un prestito ottenuto da una banca suddiviso in quote mensili per 12 mensilità. La garanzia sarà la pensione di vecchiaia. Hanno diritto a richiedere l’Ape i lavoratori dipendenti pubblici e privati, i lavoratori autonomi e gli iscritti alla gestione separata. Niente da fare invece per i liberi professionisti iscritti alle Casse professionali.

I requisiti sono

  • almeno 63 anni di età e 20 anni di contributi
  • maturare il diritto alla pensione di vecchiaia entro 3 anni e 7 mesi
  • importo della futura pensione mensile, al netto della rata di ammortamento per il rimborso del prestito richiesto, pari o superiore a 1,4 volte il trattamento minimo dell’assicurazione generale obbligatoria
  • non essere titolare di pensione diretta o di assegno ordinario di invalidità.

Per avere diritto al prestito, non è necessario aver smesso di lavorare. E’ necessario invece per chi vuole aderire all’APE sociale.

Hai già capito come fare il calcolo della tua pensione? Leggi la nostra guida

Completati i vent’anni di restituzione a rate, la pensione sarà percepita per intero. Si può anche estinguere anticipatamente il prestito, che viene coperto da una polizza assicurativa obbligatoria per il rischio di premorienza. In caso di decesso l’assicurazione versa alla banca il debito residuo. Il prestito è erogato per un periodo minimo di sei mesi e fino alla maturazione del diritto alla pensione di vecchiaia.

Ti consigliamo anche questo nostro altro articolo:

Gestione separata – Tutte le informazioni sul fondo pensionistico riservato a coloro i quali non hanno una cassa appartenente a un ordine professionale: le aliquote, le totalizzazioni, i requisiti per andare in pensioni e tutto ciò che hai bisogno di sapere sull’argomento.

L’entità del prestito sarà proporzionale all’importo della pensione di vecchiaia e sarà erogato mensilmente per 12 mensilità all’anno senza prelievo fiscale.

Anticipo Agevolato

Per avere diritto all’APE sociale, il lavoratore deve avere età non inferiore a 63 anni e trovarsi a non più di 3 anni e 7 mesi dal pensionamento di vecchiaia. Una brutta notizia per i lavoratori nati nel 1955, già esclusi dall’APE volontario.

Sai tutto sulla rendita integrativa temporanea anticipata? Quest’anno la Riforma Pensioni introdurrà, tra le altre, una importante novità costituita dalla cosiddetta RITA, vale a dire la rendita integrativa temporanea anticipata molto vicino ai principi di funzionamento dell’ape, prestito pensionistico anticipato.

Per saperne di più sui contributi volontari, leggi il nostro articolo di approfondimento.

La Fornero non ha perdonato

I danni dei provvedimenti Fornero (probabilmente necessari in quel momento storico sotto il Governo Monti, ma comunque deleteri per molte categorie della popolazione) si fanno ancora sentire. Dici Riforma Fornero e dici esodati, categoria di lavoratori che è rimasta intrappolata n un limbo dal quale è difficile uscire, fuori dal mondo del lavoro ma non ancora abilitati a ricevere la pensione. A questa categoria di lavoratori il governo ha riservato attenzioni particolari, con l’istituzione di una serie di salvaguardie che hanno via via risolto il problema. L’ottava salvaguardia dovrebbe essere quella in grado di risolvere definitivamente la questione.

Puoi approfondire l’argomento leggendo la nostra guida sull’età pensionabile.

Riforma pensioni 2016

Non hai ancora capito quando andrai in pensioni? Potresti chiarirti le idee leggendo la nostra guida di approfondimento che risponde alla domanda: quando vado in pensione?

Questione esodati




Ma la strada principale da percorrere per risolvere la questione esodati è sicuramente quella relativa alla flessibilità delle pensioni. Garantire un’uscita in tempi adeguati al mondo del lavoro rappresenta la strada principale per assicurare una età pensionabile adeguata. La pensione anticipata rappresenta un costo per lo Stato, che ha però a disposizione molte strade per risolvere la questione. Una di queste è il prestito pensionistico, che però metterebbe in campo forze come le compagnie assicuratrici e le banche che molti vorrebbero tenere fuori dal settore pensioni.

Accesso all’Inps

Il nuovo pacchetto di misure per agevolare l’accesso all’Inps è in dirittura d’arrivo. La riforma pensioni dovrebbe consentire l’accesso alla pensione senza penalizzazioni con un anticipo massimo di 3 anni e 7 mesi per circa 34 mila persone. In questo modo varranno anche i 30-36 anni di versamenti. Merito dell’Ape social, pensata per chi ha perso il lavoro in età avanzata avendo esaurito le altre risorse di welfare. Ne beneficerà chi assiste coniugi o parenti disabili, ha una disabilità riconosciuta dallo Stato per almeno il 74% o rientra all’interno di 11 specifiche tipologie di lavoro pesanti.

Pensioni 2016

L’Inps però non è in grado di far fronte a tutti i problemi che ci sono al momento, e lo Stato non può intervenire in maniera adeguata a sostenere le disastrate casse dell’istituto previdenziale, che secondo molti è destinato al collasso entro pochi anni. Lo Stato ha dovuto attingere molto spesso a fondi destinati a uno scopo per altro. E’ il caso proprio degli esodati, che hanno visto distratti i fondi per sostenere l’opzione donna.

Assegno previdenziale da rivedere

Sono oltre 500mila gli italiani che ricevono un assegno previdenziale dagli anni ’80. Lo sostiene uno studio realizzato dall’Istituto pubblico di previdenza in merito alle pensioni di vecchiaia e anzianità erogate per il settore pubblico e privato. Sono dati che comprendono anche i trattamenti di reversibilità.

Pensione 2017

Non da meno la vicenda dei lavoratori precoci, quella categoria di aspiranti pensionati che hanno iniziato a lavorare molto presto per via di condizioni sociali particolari, e che spesso hanno anche fatto lavori usuranti. Per via dei meccanismi adesso in vigore nel sistema pensionistico italiano, si vedono negato il diritto ad andare in pensione.

Evidente dunque come ci siano molti aspetti della questione ancora da valutare e sui quali intervenire. La sensazione è che si sia giunti a un crocevia e difatti le ultime notizie sulle pensioni lasciano intendere che il Governo sia vicino a una soluzione. Che però non sarà sufficiente se fine a se stessa, perchè il tema delle pensioni va curato costantemente in modo da garantire i giusti diritti a coloro i quali dopo una vita di lavoro hanno la speranza di godere una vecchiaia dignitosa.

Il Welfare non basta

La cifra stanziata per la riforma delle pensioni e del welfare arriva a 2,33 miliardi di euro anno per anno: sono i calcoli della Uil, che ha diviso i sette miliardi di euro stanziati su base triennale. La piattaforma sindacale aveva avanzato richieste per 2,5 miliardi di euro l’anno.

“Io credo che risolvere il problema di chi diventa povero a seguito di una riforma che ha spostato di sette anni il momento della pensione sia una cosa da affrontare adesso”. Sono le parole del Presidente della Commissione lavoro alla Camera Cesare Damiano. Sulla flessibilità previdenziale in età avanzata Damiano specifica che “non vuol dire ignorare il problema dei giovani. Anche perché con la flessibilità che io ho voluto tre anni fa (per fortuna è entrata nell’agenda del Governo) teorizzavo il fatto di anticipare la pensione e rendere flessibile il sistema, per aprire le porte del lavoro ai giovani: diamo una mano ai giovani”.

Disobbedire all’Europa

Damiano ha espresso il suo pensiero sull’austerità: “dobbiamo disobbedire all’Europa. La Francia, che ha un debito al 95% è sopra il 4%, non parliamo della Spagna. Io vorrei chiedere alla Germania: ma come mai se la regola Europea sul surplus prevede un tetto non viene rispettata? E poi chiedo all’Europa, ma come mai le quote dei migranti non ve le prendete? Allora, un sorvegliato speciale come noi non è accettabile, perché noi dobbiamo subire dei pesi che non vengono alleviati dalle politiche europee. Io dico, bene che il deficit sia al 2,4%, abbiamo bisogno di quelle risorse per rompere il dogma dell’austerità che non può star bene all’Italia”.

Ti è piaciuto l'articolo?
Valutazione
[Total: 3 Average: 4.7]