Pensioni

Opzione donne: accesso agevolato con 35 anni di contributi

Le donne lavoratrici del settore pubblico e privato possono andare in pensione a 57 anni e 3 mesi (58 e 3 mesi se autonome) con 35 anni di contributi purchè decidano di accettare una pensione calcolata con il metodo contributivo. Si chiama opzione donna o opzione donne. Lo prevede la riforma Fornero. E’ un possibilità che consente alle lavoratrici di uscire dal mondo del lavoro con un anticipo di diversi anni rispetto ai requisiti classici accettando però una diminuzione sull’assegno mensile.

Opzione donne requisiti

E’ una possibilità rivolta a tutte le lavoratrici iscritte alla previdenza pubblica obbligatoria, dipendenti del settore privato; pubblico impiego e lavoratrici autonome in possesso di contribuzione alla data del 31 dicembre 1995.

Possono esercitare questa opzione, dal 1° gennaio 2013 e sino alla scadenza naturale del regime, chi ha compiuto 57 anni e 3 mesi di età (58 anni e 3 mesi le autonome) e versato 35 anni di contributi.

Il regime scade il 31 dicembre 2015.

Opzione contributivo donne quanto si perde

L’accettare il passaggio al sistema di calcolo totalmente contributivo comporta in media una diminuzione dell’assegno pensionistico del 25-30% rispetto a quanto avrebbero ottenuto con il sistema misto. Ma molto dipende dall’età della lavoratrice e dalle caratteristiche di carriera, retribuzione ed anzianità contributiva maturata alla data di accesso al regime.

Non possono accedere a questa possibilità le lavoratrici che hanno perfezionato il diritto al trattamento pensionistico (vecchiaia o anzianità) in base ai requisiti previsti per la generalità dei lavoratori vigenti al 31/12/2011 o i nuovi requisiti per la pensione di vecchiaia o pensione anticipata introdotti dalla Riforma Fornero del 2011, così come le lavoratrici destinatarie delle disposizioni in materia di “salvaguardia” successive al 2011 per gli esodati.

Importante il caso di una lavoratrice che ha raggiunto 57 anni e 3 mesi di età con 35 di contributi nel settembre 2014. Per lei la finestra si apre il 1° Ottobre 2015. In questo caso può esercitare l’opzione anche dopo la scadenza del 31 dicembre 2015, ad esempio nel febbraio 2016. Niente da fare per le lavoratrici la cui finestra si apre dal 1° Gennaio 2016.

Opzione donne proroga

La Proroga del Regime Sperimentale prevede che entro il 31 Dicembre 2015, il Governo verifichi i risultati dei questa sperimentazione per poi eventualmente proseguirla. Si parla di una proroga al 2018.